Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 marzo 2024 Ore 01:31

436

Stampa

Sotto una nuova luce

Renato Torregrossa, San Cataldo (CL)

Fingevo di stare bene, di avere il controllo della situazione, ma stavo malissimo e, nonostante una voce interna mi ripetesse che il Gohonzon non funziona, mi mancava da morire quell’inno alla vita che è Nam-myoho-renge-kyo

Dimensione del testo AA

Fingevo di stare bene, di avere il controllo della situazione, ma stavo malissimo e, nonostante una voce interna mi ripetesse che il Gohonzon non funziona, mi mancava da morire quell’inno alla vita che è Nam-myoho-renge-kyo Pratico il Buddismo dal 1996. Nell’agosto del 2003 avevo perso tutto: era finita una lunga relazione sentimentale e il progetto societario di cui facevo parte era fallito. Ero pieno di debiti e l’ansia mi provocava violenti attacchi di panico. Mi ritrovai, a trentasette anni, in una situazione disperata e mi affidai al Gohonzon con la determinazione di risolverla assolutamente. Sentivo il bisogno di approfondire la fede e decisi di fare attività di protezione al Centro culturale europeo a Trets durante un corso della SGI-UK. Il presidente Ikeda ci incoraggia a “non lesinare” la nostra vita e lì dedicai anima e corpo all’attività di protezione, senza risparmiarmi. Creai delle profonde relazioni con i membri inglesi, specialmente…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata