Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

28 febbraio 2024 Ore 14:42

815

Stampa

Una fonte di gioia illimitata

Monica Gambino, Roma

In trentadue anni di attività nella Soka Gakkai e di impegno appassionato per condividere la Legge mistica con gli altri, Monica ha trasformato le relazioni familiari, si è realizzata come regista e ha affrontato la perdita di persone care con lo stato vitale che deriva dalla pratica buddista, trasformando la sofferenza in gioia

Dimensione del testo AA

A ventisei anni una collega mi parlò della pratica buddista, che avevo già incontrato a dodici e poi a sedici anni, e questa volta iniziai subito con un’ora di Daimoku, Gongyo, studio e shakubuku, per offrire anche agli altri il mezzo per diventare felici. Da allora ho accompagnato a ricevere il Gohonzon diciannove persone e questa è per me una fonte di gioia illimitata.All’inizio, il primo beneficio inaspettato fu che mia madre, con la quale avevo un pessimo rapporto, convinse mio padre a comprarmi la casa dove tuttora vivo.Mia madre era alcolista, depressa, perennemente sotto psicofarmaci e io già da piccola soffrivo di attacchi di panico ed ero spesso triste e cupa.Tuttavia, quando leggevo la frase del Gosho: «L’inferno esiste nel cuore di chi interiormente disprezza suo padre e trascura sua madre» (RSND, 1, 1008), pensavo che riguardasse gli altri, ma non me. Rimuovevo, tale era la sofferenza che mi…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata