Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 marzo 2024 Ore 02:26

483

Stampa

Stato civile: liberamente felice

Ronni Favors, Brooklyn – New York, USA

Mentre recitavo, mi resi conto che, anche se razionalmente sapevo che la felicità e la soddisfazione nella vita non avevano niente a che fare con lo stato civile, in realtà nel mio cuore ero convinta del contrario. Infatti ero come frenata e non vivevo appieno la vita semplicemente perché non avevo un compagno. Questa fu una scoperta illuminante

Dimensione del testo AA

Mentre recitavo, mi resi conto che, anche se razionalmente sapevo che la felicità e la soddisfazione nella vita non avevano niente a che fare con lo stato civile, in realtà nel mio cuore ero convinta del contrario. Infatti ero come frenata e non vivevo appieno la vita semplicemente perché non avevo un compagno. Questa fu una scoperta illuminante Nel 1984, la mia amica Maxine fece uno sforzo davvero sovrumano per convincermi a provare a praticare il Buddismo di Nichiren. Dopo ore passate a discutere, ormai sfinita, mi disse: «Potresti cambiare il rapporto che hai con gli uomini». E mi spiazzò. Fin da adolescente le mie relazioni sono state una lista infinita di fallimenti accompagnati da un grande senso di vuoto e per me trovare qualcuno di speciale sembrava essere diventata un’eventualità remota. L’affermazione di Maxine, cioè che potevo cambiare questo aspetto recitando Nam-myoho-renge-kyo, rappresentava un esile filo di speranza al…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata