Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 febbraio 2023 Ore 13:27

Sentirsi libere e felici

Silvia Gribaudi, Milano

Valorizzare la propria unicità al di là dei canoni estetici e aprire una nuova visione creativa della danza è ciò che Silvia, danzatrice dalle curve "morbide", ha realizzato in questi anni nel suo lavoro grazie al costante impegno per kosen-rufu. Oggi la sua carriera si sta espandendo in tutto il mondo

Dimensione del testo AA

Valorizzare la propria unicità al di là dei canoni estetici e aprire una nuova visione creativa della danza è ciò che Silvia, danzatrice dalle curve “morbide”, ha realizzato in questi anni nel suo lavoro grazie al costante impegno per kosen-rufu. Oggi la sua carriera si sta espandendo in tutto il mondo Come hai intrapreso la carriera di danzatrice? Ho sempre studiato danza. A diciotto anni mi iscrissi a un corso grazie al quale, qualche anno dopo, conobbi una persona che mi parlò del Buddismo. Venivo da una formazione come perito chimico industriale e provavo sfiducia in tutto e tutti, a partire da me stessa. A ventotto anni ricevetti il Gohonzon e ogni cosa cambiò. Iniziai a vedere la danza non come un sogno finalizzato a un mio piacere personale ma come una conquista che avrebbe fatto bene anche agli altri. Nel 2008 partecipai a un corso a Trets come referente…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!