Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

16 aprile 2024 Ore 10:34

    607

    Stampa

    Quel potenziale infinito dentro di noi

    Marco Renzetti, diciannove anni, vive a Roma e ha ricevuto il Gohonzon lo scorso aprile

    Dimensione del testo AA

    Marco Renzetti, diciannove anni, vive a Roma e ha ricevuto il Gohonzon lo scorso aprile Da quanto tempo pratichi il Buddismo? Ho iniziato due anni fa, ma da quattro anni andavo saltuariamente alle riunioni con mia zia e non mi dispiaceva fare Daimoku. In realtà quando avevo dieci anni partecipai alla cerimonia di apertura del suo Gohonzon e rimasi molto colpito. Mi ha spinto a praticare il fatto che si pone l’accento sul potenziale infinito dentro di noi, a differenza di altre religioni. Con i buddisti mi sono sempre sentito a mio agio, nelle riunioni mi rilassavo, quando recitavo Daimoku ho sempre provato un senso di quiete. Hai avuto difficoltà in famiglia prima di ricevere il Gohonzon? Tante. La cosa principale è che ho riconosciuto che dipendeva dalla mia indecisione. Attraverso il Daimoku e lo studio del Buddismo ho eliminato tanti dubbi che si riflettevano nei miei genitori come rifiuto…

    Contenuto riservato agli abbonati

    Accedi Sottoscrivi un abbonamento

    ©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata