Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

7 febbraio 2023 Ore 02:27

Qualcosa d’insolito

Andrea Da Re, Vercelli

«Il carcere non mi avrebbe impedito di proseguire la mia rivoluzione, come non aveva impedito a Ikeda, Toda e Makiguchi di realizzare il loro sogno: propagare la Legge»

«Il carcere non mi avrebbe impedito di proseguire la mia rivoluzione, come non aveva impedito a Ikeda, Toda e Makiguchi di realizzare il loro sogno: propagare la Legge»
Dimensione del testo AA

«Il carcere non mi avrebbe impedito di proseguire la mia rivoluzione, come non aveva impedito a Ikeda, Toda e Makiguchi di realizzare il loro sogno: propagare la Legge» Il Buddismo è comparso nella mia vita come “il puro fiore di loto che sboccia dalla melma”, in un momento che, per rimanere in tema, nella melma c’ero dentro fino al collo, solo che non lo sapevo. Succede spesso ai tossici. A dirla tutta, per essere uno della mia categoria, in quel periodo ero convinto di dare dei punti a molti. Avevo iniziato a diciotto anni nel tentativo di aiutare una ragazza, invece c’ero cascato io. Molto banale. In seguito mi distinsi pensando di diventare un vero outsider e, istruito da gente che la sapeva lunga, incamerando merce e pagando i fornitori con assegni a vuoto, davo il mio modesto contributo a far fallire sia società, intese come aziende, sia persone, intese…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!