Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

21 aprile 2024 Ore 08:20

822

Stampa

Padroni del proprio destino

Non c’è karma o destino che non si possa cambiare grazie alla pratica buddista. La decisione che permette di trasformare il karma in missione si trova solo dentro di noi

Dimensione del testo AA

Cosa pensiamo quando si parla di karma? Spesso lo associamo a una forza ineluttabile che domina la nostra vita e l’universo, oppure pensiamo al concetto di “karma” o “destino” come a una visione fatalistica e pessimistica della vita, e questo genera un sentimento di rassegnazione.
Anche chi pratica il Buddismo a volte cade nell’errore di considerare il karma come qualcosa di assolutamente negativo, come a dire: «È il mio karma, non posso farci nulla…».
Tuttavia, il Buddismo di Nichiren Daishonin è un insegnamento di grande speranza che ci assicura di poter trasformare qualsiasi karma o destino.
Ogni nostro pensiero, parola e azione crea un effetto; il karma è dunque l’insieme degli effetti di cause che abbiamo posto nel passato e che continuiamo a stabilire nel presente. Invece che rimanere con lo sguardo rivolto al passato disprezzando la situazione in cui ci troviamo, possiamo agire nel presente consapevoli che tutti i semi che piantiamo oggi daranno immancabilmente dei frutti!
La chiave è proprio questa: se il nostro “destino” dipende da noi, l’allenamento è indirizzare la nostra vita verso la strada della vittoria. Questo è possibile grazie alla recitazione di Nam-myoho-renge-kyo.
Infatti, quando recitiamo Daimoku si attiva in noi lo stato vitale della Buddità e in quello stesso istante sconfiggiamo qualunque sfortuna o infelicità, poiché la Buddità abbraccia qualunque tipo di karma e lo purifica.
Determinando di riscrivere la nostra esistenza, vinciamo giorno dopo giorno sfidandoci in ogni aspetto della nostra vita!
Il concetto di karma insegna che noi, e nessun altro, siamo responsabili della nostra vita. Da questa prospettiva non c’è nessuna persona o situazione da incolpare. La causa della felicità è solo dentro di noi.
Scrive il presidente Ikeda:

«Il Buddismo del Daishonin è un insegnamento che permette alle persone di cambiare il proprio destino, perché la Legge mistica è il mezzo fondamentale per superare tutte le sofferenze.
Per chi pratica questo Buddismo le difficoltà e i problemi personali sono opportunità per cambiare il proprio destino o karma. […] Guidati da questa visione, noi viviamo con l’intento positivo di trasformare il karma in missione.
[…] Toda disse a tale proposito: “Gioite quando incontrate difficoltà. Questo è il momento di dimostrare il potere della fede. È un’opportunità per cambiare il vostro karma. Superando queste prove potete ottenere una fortuna illimitata ed eterna”» (BS, 222, 4)


©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata