Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

7 febbraio 2023 Ore 03:10

Non si vince da soli

Maria Grazia Granaroli, Repubblica di San Marino

Mi è stato chiesto se ero delusa dal Buddismo per quello che mi era successo. No, non sono delusa, anzi... Grazie alla malattia sono stata costretta a ribaltare la mia vita, cosa che altrimenti non avrei mai fatto

Mi è stato chiesto se ero delusa dal Buddismo per quello che mi era successo. No, non sono delusa, anzi... Grazie alla malattia sono stata costretta a ribaltare la mia vita, cosa che altrimenti non avrei mai fatto
Dimensione del testo AA

Mi è stato chiesto se ero delusa dal Buddismo per quello che mi era successo. No, non sono delusa, anzi… Grazie alla malattia sono stata costretta a ribaltare la mia vita, cosa che altrimenti non avrei mai fatto Ho conosciuto il Buddismo nel 2002 quando frequentavo l’università. Avevo trentasei anni, sposata, con due figli e un lavoro da impiegata. Ho lasciato il lavoro e mi sono iscritta a scienze infermieristiche. Volevo diventare infermiera, come avevo sognato fin da ragazza. Tra i banchi universitari conobbi una ragazza carina e dai modi gentili, ma ciò che mi colpiva di lei erano la tenacia, la determinazione e l’assoluta convinzione di farcela di fronte a qualsiasi problema. Volevo diventare come lei: sicura, determinata, solare, aperta agli altri e forte per affrontare le difficoltà della vita. Le chiesi come faceva e così iniziò a parlarmi di Buddismo. Avevo fatto altri cammini, ma mi sentivo pronta…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!