Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 febbraio 2023 Ore 09:28
Dimensione del testo AA

Ogni volta che leggo gli scritti in cui Nichiren Daishonin incoraggia affettuosamente i suoi discepoli anziani, mi commuovo profondamente. In una lettera indirizzata al prete laico di Ko e a sua moglie, una coppia senza figli che viveva a Sado, il Daishonin rivolse loro le seguenti parole per dissipare le apprensioni che potevano affliggerli mentre invecchiavano in un’epoca turbolenta: «Il Budda Shakyamuni, signore degli insegnamenti, deve essere per voi due un padre compassionevole e io, Nichiren, vostro figlio» (RSND, 1, 435). In un’altra lettera, rivolta a Toki Jonin, il Daishonin elogiò sua madre che aveva più di novant’anni scrivendo: «Tutti gli dèi delle dieci direzioni ne saranno informati. Come la rugiada che si unisce al grande mare o il terriccio che si aggiunge alla grande terra, [il beneficio di questa veste] rimarrà, vita dopo vita, e non cesserà mai, esistenza dopo esistenza» (RSND, 2, 502). Queste parole esprimono il pensiero,…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!