Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

30 gennaio 2023 Ore 09:37

L’importante è rialzarsi

Emanuele Fougier, Roma

«Ho deciso di cambiare la mia vita entrando realmente in contatto, attraverso il Daimoku, con la parte di me “debole e perdente” che per anni ho accuratamente cercato di nascondere»

Dimensione del testo AA

«Ho deciso di cambiare la mia vita entrando realmente in contatto, attraverso il Daimoku, con la parte di me “debole e perdente” che per anni ho accuratamente cercato di nascondere» Ho iniziato a recitare Nam-myoho-renge-kyo nel 1995, attirato dai cambiamenti di mia moglie che aveva conosciuto la pratica l’anno precedente. Sono diventato membro nel luglio 1996 e fino all’estate del 2000 la mia vita è scorsa tranquilla con molti benefici e nessuno scossone. Poi a settembre di quell’anno, mia madre, che vive a Milano, è stata ricoverata in ospedale per un controllo, e invece ha dovuto subire l’amputazione di una gamba. Nel giro di un mese è stata sottoposta a un’ulteriore operazione, nel tentativo di salvarle almeno l’altra gamba. Improvvisamente mi sono sentito perso. Il fatto di esserle lontano mi faceva sentire impotente di fronte alla sua sofferenza. Provavo un forte senso di colpa anche nei confronti dei miei due…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!