Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 febbraio 2023 Ore 09:17

Le tempeste della vita

Nadia Scarpini, Rapallo (GE)

Per me essere buddista non significa far finta di non soffrire, ma è sedermi davanti al Gohonzon in lacrime, piena di rabbia e rimpianti e cercare dentro di me una spiegazione al mio dolore

Dimensione del testo AA

Per me essere buddista non significa far finta di non soffrire, ma è sedermi davanti al Gohonzon in lacrime, piena di rabbia e rimpianti e cercare dentro di me una spiegazione al mio dolore Avevo sedici anni quando incontrai mio marito: facevo la parrucchiera nel negozio di sua madre. Lui di anni ne aveva diciotto, bravissimo nel suo lavoro, mi conquistò subito. Decidemmo di vivere insieme e ci sposammo: eravamo innamorati e pieni di speranze. Dopo due anni nacque Fabio e ci sconvolse la vita perché, essendo sottopeso, aveva bisogno di controlli pediatrici tutti i giorni. Ma la nostra volontà superò ogni limite. Aprimmo un negozio di parrucchiere per signora vicino a casa. Eravamo orgogliosi di dimostrare ai nostri genitori che ce la stavamo facendo da soli. Fabio cresceva bene, ma a quindici anni scoprimmo che soffriva di crisi epilettiche e la sua vita subì molte limitazioni. All’ultimo anno di…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!