Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

7 febbraio 2023 Ore 02:37

Lavoro di squadra

Natasha Mengozzi, Roma

Con i giovani abbiamo creato un "lavoro di squadra" in cui ognuno è sullo stesso piano, per lottare insieme, pur con le nostre diversità, avendo un solo obiettivo: kosen-rufu

Con i giovani abbiamo creato un "lavoro di squadra" in cui ognuno è sullo stesso piano, per lottare insieme, pur con le nostre diversità, avendo un solo obiettivo: kosen-rufu
Dimensione del testo AA

Con i giovani abbiamo creato un “lavoro di squadra” in cui ognuno è sullo stesso piano, per lottare insieme, pur con le nostre diversità, avendo un solo obiettivo: kosen-rufu Ho iniziato a praticare il Buddismo di Nichiren Daishonin a ventitré anni. La mia infanzia era stata segnata dalla separazione dei miei genitori, avvenuta quando avevo quattro anni. Mio padre era in carcere, dove è stato i primi quindici anni della mia vita, e mia madre, allora ventenne, mi affidò alla nonna paterna, che da Merano mi portò a Roma. Con mia madre i rapporti si chiusero all’età di sette anni, mentre quello con mio padre fu sempre un rapporto difficile e tormentato. In quegli anni mia nonna cercò di sostituire i miei genitori dandomi tanto amore e sostegno. Mi fece studiare nelle migliori scuole, ma a sedici anni decisi di lasciare la scuola per diventare estetista. Fu proprio nel mio…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!