Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

23 febbraio 2024 Ore 18:04

    612

    Stampa

    La vita che desidero

    Giulia Pagliai, Firenze

    Dimensione del testo AA

    Da quanto tempo conosci la pratica? Mi sono avvicinata al Buddismo di Nichiren Daishonin circa sette anni fa ed è stato un primo contatto con Nam-myoho-renge-kyo. In tutti questi anni ho recitato Daimoku con regolarità, davanti al muro, da sola. Sentivo il bisogno di tenere la pratica a un livello individuale e intimo. Cosa ti ha spinto a decidere di ricevere il Gohonzon e cosa è cambiato nella tua pratica quotidiana? Qualche mese fa una cara amica e collega mi ha suggerito di ricevere il Gohonzon per rendere la mia pratica ancora più efficace. Ho accolto il suo invito, senza farmi troppe domande, mi sono ascoltata e ho detto «Sì!». E nonostante la mente facesse qualche volta capolino con dubbi e timori, la parte più profonda e saggia di me sapeva che questo passaggio sarebbe stato buono. Così ho ricevuto il Gohonzon e ho aperto la mia vita: ho conosciuto…

    Contenuto riservato agli abbonati

    Accedi Sottoscrivi un abbonamento

    ©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata