Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 marzo 2024 Ore 01:05

398

Stampa

La vita appesa a un filo

Fabrizio Rubino, Bologna

Lentamente ripresi la mobilità dell’occhio sinistro fino a recuperarla. Ancora una volta era stato l’amore per la mia vita a salvarmi, l’aver lottato a vasto raggio

Dimensione del testo AA

Lentamente ripresi la mobilità dell’occhio sinistro fino a recuperarla. Ancora una volta era stato l’amore per la mia vita a salvarmi, l’aver lottato a vasto raggio Il mio incontro col Buddismo risale al 1995 a Pisa, città nella quale studiavo. L’11 dicembre 2001 mi laureai in economia e decisi di trasferirmi a Bologna per questioni di cuore e di lavoro e così iniziò la mia vita emiliana. Tutto perfetto finché nella primavera del 2004 iniziò il periodo più duro della mia vita. Dalla mia relazione emersero delle grosse difficoltà e la persona con cui stavo, che aveva iniziato a praticare, ebbe dei problemi di ansia che mi portarono a mettere da parte le mie angosce per sostenerla. A ottobre mi sentivo smarrito e sconcertato, continuavo a recitare Gongyo e Daimoku ma non affrontavo profondamente l’angoscia che avevo dentro di me. In quei giorni si presentò sotto l’ascella sinistra uno strano…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata