Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 febbraio 2023 Ore 08:23

La vera indipendenza

Anna Maria Bientinesi, Roma

«Sentii che “mi meritavo” di guarire perché la mia vita aveva un grande valore in quanto la dedicavo a kosen-rufu; nessun’altra motivazione era stata sufficiente a farmi uscire dal tunnel»

Dimensione del testo AA

«Sentii che “mi meritavo” di guarire perché la mia vita aveva un grande valore in quanto la dedicavo a kosen-rufu; nessun’altra motivazione era stata sufficiente a farmi uscire dal tunnel» Labirinto. Ecco dove vivevo, dove mi muovevo, dove brancolavo. Un labirinto di angoscia. Fino all’incontro con il Buddismo di Nichiren e l’avvio su una strada maestra, dalla quale, da allora, da quel luminoso giorno del 1988, non ho più deviato. Nel 1981 morì mio marito. Avevo 40 anni, due bambini piccoli (8 anni e 17 mesi) e un “prima”, con lui, il mio grande amore, bellissimo e felice, mentre mi attendeva un “dopo” di dolore totale. Che rifiutavo di vivere in fondo: tanto che arrivai a creare in me una sorta di dualismo: un totale distacco tra come stavo “dentro” e come apparivo “fuori”. Lì, fuori, forte, in grado di allevare da sola due bambini, di affrontare con loro lunghi…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!