Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 marzo 2024 Ore 22:41

827

Stampa

La Soka Gakkai a Berlino per dire no alla guerra insieme ai leader mondiali delle principali religioni

Si è tenuto a Berlino il Meeting Internazionale per la pace dal titolo “L’audacia della pace: dialogo tra religioni e culture”, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, al quale ha partecipato una delegazione della Soka Gakkai insieme ai rappresentanti delle principali religioni provenienti da quaranta paesi

Dimensione del testo AA

Dal 10 al 12 settembre, a Berlino, si è svolto l’incontro internazionale “L’audacia della pace: dialogo tra religioni e culture”, che ha visto la partecipazione di rappresentanti della Soka Gakkai, tra cui il vicepresidente Hirotsugu Terasaki, il copresidente europeo della Soka Gakkai Internazionale, Robert Harrap, e il presidente dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai, Alberto Aprea, insieme ai rappresentanti del Cristianesimo, dell’Islam, dell’Ebraismo, dell’Induismo, del Buddismo e di altre religioni provenienti da oltre quaranta paesi. All’incontro hanno partecipato anche il Cancelliere tedesco Olaf Scholz e il Vice Presidente del Consiglio e Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Antonio Tajani. 

Il presidente della Repubblica Federale Tedesca Frank-Walter Steinmeier ha preso parte alla cerimonia di apertura e nel suo intervento ha citato vari momenti della storia in cui gli sforzi basati sulla fede hanno contribuito alla mediazione per la pace nelle aree di conflitto. In questo momento di crisi mondiale ha fatto appello a ulteriori sforzi per promuovere “l’immaginazione per la pace” e per incoraggiare il dialogo. Alla cerimonia di apertura sono intervenuti inoltre il fondatore della Comunità di Sant’Egidio Andrea Riccardi, il leader supremo dell’Islam sunnita Ahmad al-Tayyib, il segretario generale del Consiglio ecumenico delle chiese (CEC) Jerry Pillay e il presidente della Conferenza episcopale tedesca Georg Bätzing, che hanno portato il loro saluto. 
Berlino è una sede particolarmente significativa in quanto ha visto l’Est e l’Ovest del mondo affrontarsi durante la Guerra Fredda. Oggi, in un’epoca in cui un “muro di separazione” rischia di alzarsi ancora una volta nel mondo a causa della crisi ucraina, proprio da Berlino si accende una speranza per il futuro. 

Nei giorni 11 e 12 si sono svolte le sessioni di 20 Forum su vari temi, tra cui la crisi ambientale, l’immigrazione e il dialogo interreligioso.  Il copresidente della SGI europea Robert Harrap è intervenuto durante il Forum intitolato “Un mondo senza armi nucleari è possibile”, mentre il presidente dell’Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai, Alberto Aprea, ha avuto un incontro con il cardinale Matteo Zuppi, arcivescovo di Bologna e presidente della Conferenza episcopale italiana.

Nei giorni precedenti, il 9 settembre, il vicepresidente Terasaki, altri rappresentanti della delegazione della Soka Gakkai e il presidente della Comunità di Sant’Egidio Marco Impagliazzo sono stati ricevuti dal sindaco Kai Wegner presso il municipio di Berlino. Prima della cerimonia di apertura, il 10 settembre, insieme ai rappresentanti di diverse religioni, hanno incontrato il presidente della Repubblica Federale Tedesca Frank-Walter Steinmeier.

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata