Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 marzo 2024 Ore 22:26

572

Stampa

La nostra terra è salva e illesa

Gabriele Fastame, Livorno

Sono un Budda ovunque mi trovi, l’ho sentito profondamente, non l’ho capito con la mente. Anche l’interno di un ospedale è la terra del Budda. Quando noi manifestiamo la Buddità siamo liberi da qualunque sofferenza

Dimensione del testo AA

Sono un Budda ovunque mi trovi, l’ho sentito profondamente, non l’ho capito con la mente. Anche l’interno di un ospedale è la terra del Budda. Quando noi manifestiamo la Buddità siamo liberi da qualunque sofferenza Sono nato in una famiglia operaia; i miei genitori, nonostante le varie difficoltà, hanno sempre fatto il massimo perché io e mia sorella crescessimo sani e con un’istruzione adeguata. Ero un ragazzo sensibile e infelice. Sentivo che mi mancava una valida filosofia di vita. A diciannove anni fui tradito dalla mia ragazza e dal mio miglior amico e il mondo mi crollò addosso. Mi chiusi in me stesso e iniziai a fare uso di alcolici. Nel 1992 una ragazza mi parlò del Buddismo. Iniziai a praticare colpito dalla forza e dalla dignità con cui stava affrontando una grave malattia e dopo qualche anno decisi di ricevere il Gohonzon. Recitare Daimoku mi permise di “aprire gli…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata