Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

7 febbraio 2023 Ore 02:21

La mia vita ha radici più salde e profonde

Emanuela Persichetti, Pordenone

Ero consapevole che non esiste felicità se non assieme agli altri e che l'obiettivo è importante, ma ancora di più è il percorso quotidiano per realizzarlo

Ero consapevole che non esiste felicità se non assieme agli altri e che l'obiettivo è importante, ma ancora di più è il percorso quotidiano per realizzarlo
Dimensione del testo AA

Ero consapevole che non esiste felicità se non assieme agli altri e che l’obiettivo è importante, ma ancora di più è il percorso quotidiano per realizzarlo Quando ho iniziato a recitare Nam-myoho-renge-kyo, nel 2009, la mia vita era abbastanza stabile: un buon lavoro, tanti amici, viaggi… l’unico fronte claudicante che mi faceva soffrire era quello sentimentale. Incoraggiata dai compagni di fede praticavo con la “generica” convinzione che facesse bene alla mia vita, ma non vedevo cambiamenti concreti. Continuavo a fare Daimoku e a studiare il Buddismo in modo altalenante portando avanti la responsabilità di gruppo con fatica e senso del dovere, tra mille dubbi e perplessità. Capivo razionalmente, ma cosa dovevo fare per trasformare la mia vita? Qual era la mia missione? Nell’agosto 2013 iniziai una nuova storia, tutto finalmente pareva andare per il verso giusto; ma sei mesi dopo la mia vita subì un violento scossone. Dalla persona forte…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!