Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 febbraio 2023 Ore 07:22

La cura per gli altri

Manlio Genovese, Roma

Ho vissuto anni orribili e questo mi faceva soffrire, ma, al di là di ciò che provavo, lo sforzarmi per la felicità degli altri è stato ancora una volta il motore trainante

Dimensione del testo AA

Ho vissuto anni orribili e questo mi faceva soffrire, ma, al di là di ciò che provavo, lo sforzarmi per la felicità degli altri è stato ancora una volta il motore trainante Ho cinquantacinque anni e pratico il Buddismo dal 1987. La mia gioventù, segnata da un amore devastante e dal mio carattere chiuso e pessimista, non è stata facile. In due anni persi i nonni e poco dopo i miei genitori e, come se non bastasse, ero un tossicodipendente. Con le mie ultime forze entrai in comunità terapeutica nell’82, ne uscii due anni dopo, non più dipendente e con un lavoro, ma con i problemi di fondo ancora irrisolti, tanto che ricominciai con l’uso di stupefacenti e di alcool. In un momento di estrema solitudine, dopo tanti anni rividi Ornella, una mia amica, che mi parlò del Buddismo e mi fece ascoltare la recitazione di Gongyo e Daimoku, ma…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!