Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

29 gennaio 2023 Ore 00:04
Dimensione del testo AA

Ho ricevuto il Gohonzon nel 2002 grazie a mia sorella. Insieme facemmo shakubuku ai nostri genitori che diventarono subito membri della Soka Gakkai. Mi ero da poco diplomata come attrice e scrissi al presidente Ikeda che un giorno avrei fondato “l’accademia d’arte drammatica Soka” senza sapere bene cosa volesse dire. Il Daimoku risvegliò in me il desiderio di studiare ancora, così mi specializzai in pedagogia tea­trale. Nel 2009 decisi di contrastare la mia forte tendenza a disprezzare la vita con l’azione contraria: lodarla. Determinai di accompagnare venti persone a ricevere il Gohonzon e, siccome mi pareva impossibile, decisi di concentrarmi solo sulle cause quotidiane, senza pensare al risultato. Così iniziai a fare shakubuku tutti i giorni con l’obiettivo di portare almeno una persona nuova a ogni zadankai. Fu una dura lotta per contrastare in ogni istante la mia codardia, ma con grande sforzo e tanto Daimoku quell’anno portai a riunione…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!