Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 febbraio 2023 Ore 09:39

Improvvisamente, la felicità

Francesco Ravetta, Momperone (AL)

Dopo un incidente Francesco è costretto su una sedia a rotelle. Prima di incontrare il Buddismo aveva già ottenuto ottimi risultati, ma è grazie a Nam-myoho-renge-kyo che riesce a colmare il vuoto esistenziale che da sempre lo accompagnava

Dimensione del testo AA

Dopo un incidente Francesco è costretto su una sedia a rotelle. Prima di incontrare il Buddismo aveva già ottenuto ottimi risultati, ma è grazie a Nam-myoho-renge-kyo che riesce a colmare il vuoto esistenziale che da sempre lo accompagnava Ho accolto il Gohonzon nella mia vita l’11 maggio 2019, due mesi dopo aver partecipato per la prima volta a una riunione buddista, senza ancora sapere che varcando la soglia di quella casa tagliavo il traguardo di una ricerca che durava da una vita. Una vita che, da quel momento in poi, avrei iniziato a vivere davvero. Prima di allora avevo già affrontato prove molto impegnative, ottenendo degli ottimi risultati, per molti impensabili. All’età di ventidue anni mi sono rotto la spina dorsale in seguito a una caduta da sei metri, con lesione incompleta al midollo. Mi sono ritrovato steso, bloccato dalla testa in giù. Nonostante i dottori mi avessero profetizzato dapprima…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!