Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 febbraio 2023 Ore 11:55
Dimensione del testo AA

Sono un pianista e grazie al mio lavoro ho viaggiato moltissimo. A gennaio del 1976 mi trovavo a Tokyo e il bassista inglese con cui suonavo mi fece shakubuku. Il 29 febbraio ricevetti il Gohonzon. In realtà avevo già sentito il Daimoku e visto il Gohonzon a casa di un amico a giugno del ’75, a Guam, dove cinque mesi prima era stata fondata la SGI. Ho avuto la fortuna di incontrare il maestro Ikeda tante volte. Durante la storica visita dell’81, a Firenze, alla “riunione generale dell’amicizia e della cultura”, Sensei disse: «Al momento il nostro movimento di rivitalizzazione dell’individuo potrebbe sembrare un ruscelletto di montagna, ma sono sicuro che tra trenta o cinquant’anni sarà diventato un fiume imponente, una nuova e forte corrente di pace che porterà benefici a tutto il genere umano» (NRU, 30, 377). La visione del futuro di Sensei si è avverata. Negli anni successivi…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!