Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 febbraio 2023 Ore 08:50

Il “sole” di Jericoacoara

Annamaria Grazioso, Brasile

Pioniera in un paesino del Brasile dove costruisce un albergo e mette a disposizione la sua casa come Centro culturale. Da lì un fiume di propagazione scorre senza limiti, come il suo sorriso

Dimensione del testo AA

Pioniera in un paesino del Brasile dove costruisce un albergo e mette a disposizione la sua casa come Centro culturale. Da lì un fiume di propagazione scorre senza limiti, come il suo sorriso Quando ho iniziato a praticare il Buddismo nel 1993, la mia situazione era disastrosa. Anoressica dall’età di diciotto anni e completamente sfiduciata in me stessa e negli altri, mi ero isolata dal mondo esterno, piena di rabbia. Avevo chiuso con enormi debiti la mia attività di stilista svolta per quattordici anni. L’uomo che amavo mi aveva lasciato e si era sposato con un’altra. Un profondo senso di autodistruzione mi aveva portato a tentare il suicidio ma a distanza di poco, grazie a Elena, incontrai il Buddismo. Lei mi ospitò a casa sua. Recitavo davanti al Gohonzon tantissimo Daimoku, perché solo così riuscivo a percepire il pulsare di quella vita che avevo cercato di togliermi. Pochi mesi dopo…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!