Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 febbraio 2023 Ore 12:00

I “limiti” accessibili

Donato Di Giacomo, Roma

«Ringrazio quell'amica per avermi dato l'opportunità di sfidarmi nella mia timidezza e nei limiti fisici e sociali derivanti dalla mia disabilità che, fino ad allora vedevo insormontabili. Ora li vedo per quello che sono, grandi, difficili, ma da qualche parte accessibili»

Dimensione del testo AA

«Ringrazio quell’amica per avermi dato l’opportunità di sfidarmi nella mia timidezza e nei limiti fisici e sociali derivanti dalla mia disabilità che, fino ad allora vedevo insormontabili. Ora li vedo per quello che sono, grandi, difficili, ma da qualche parte accessibili» Ho trentasei anni e pratico il Buddismo da quattro. Sono disabile, e la mia malattia si chiama tetraparesi spastica. Il parto di mia madre è stato complicato e una parte del mio cervello è stata gravemente danneggiata. A distanza di un anno i miei genitori si sono accorti che non riuscivo a camminare e a parlare. I medici non avevano dubbi: sarei rimasto su una sedia a rotelle per tutta la vita. Grazie al continuo incoraggiamento dei miei genitori e di una terapista svizzera, facendo molta ginnastica ho imparato a camminare, a leggere e a parlare. Ho conosciuto il Buddismo nel 1999 tramite mia madre, che mi ha sempre…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!