Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

29 gennaio 2023 Ore 00:22

I giovani sono la mia gioia

«Arrivò il giorno in cui decisi che Jonathan diventasse discepolo di sensei. Capii che, io per prima, dovevo vedere la sua Buddità»

Dimensione del testo AA

«Arrivò il giorno in cui decisi che Jonathan diventasse discepolo di sensei. Capii che, io per prima, dovevo vedere la sua Buddità» La mia esperienza di shakubuku ai giovani è strettamente legata a quella personale. La mia infanzia è stata infelice, non ho conosciuto mio padre e vedevo mia mamma una volta l’anno. Vivevo da mia nonna. L’adolescenza è stata burrascosa, mi sentivo sempre fuori posto. Il percorso scolastico è stato più che difficile, ero dislessica e i professori mi consideravano intelligente ma con la testa tra le nuvole, una ribelle. A diciotto anni sono scappata da casa, a venticinque ero in Sardegna, sposata e con un figlio di nove mesi, Jonathan. Poco dopo mi parlarono del Buddismo, e finalmente la mia vita iniziò a cambiare. Nel 1988 sono riuscita a trasformare il dolore di non avere un padre, incontrando il cuore di sensei e riconoscendolo come il mio mae­stro.…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!