Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

30 gennaio 2023 Ore 09:15
Dimensione del testo AA

La nascita della nostra Costituzione, entrata in vigore il 1° gennaio 1948, fu il risultato, come è noto, di un accordo a cui parteciparono tutte le forze politiche che avevano propugnato la caduta del fascismo, dai cattolici di De Gasperi, ai comunisti di Togliatti, alle forze liberali e socialdemocratiche. Per questo, fu subito evidente che era il manifesto di una serie di principi fortemente innovativi, tanto da non essere, purtroppo, operativi neppure a distanza di più di mezzo secolo. In particolare, dall’articolo 1 al 49 troviamo una serie di dichiarazioni di diritti dell’individuo e del cittadino tali da coglierci un po’ di sorpresa per la loro portata rivoluzionaria. Del resto, l’emergere da un ventennio in cui anche le libertà più elementari erano state represse, dava l’impressione ai costituenti che se non fossero state citate tutte, le libertà, o i principi della libertà, potessero trovarsi, un giorno, nuovamente in pericolo. Racchiusero…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!