Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

6 febbraio 2023 Ore 03:09

Gli scherzi della mente

Stefano Roschi, Firenze

«Mi dimisero e davanti al mio Gohonzon con il poco fiato che avevo, determinai di sconfiggere questi pensieri irreali e distruttivi che mi facevano credere cose non vere e di tenere a bada "quel cavallo ribelle chiamato mente", incoraggiando più persone possibili»

«Mi dimisero e davanti al mio Gohonzon con il poco fiato che avevo, determinai di sconfiggere questi pensieri irreali e distruttivi che mi facevano credere cose non vere e di tenere a bada "quel cavallo ribelle chiamato mente", incoraggiando più persone possibili»
Dimensione del testo AA

«Mi dimisero e davanti al mio Gohonzon con il poco fiato che avevo, determinai di sconfiggere questi pensieri irreali e distruttivi che mi facevano credere cose non vere e di tenere a bada “quel cavallo ribelle chiamato mente”, incoraggiando più persone possibili» Avevo un grosso desiderio: formare una famiglia. Ci avevo già provato con una storia iniziata sui banchi di scuola, durata sette anni, condita di casa, mobili e “coccini” ma naufragata a sei mesi dal fatidico “sì”. Mi spiegarono che cosa era il karma e che io lo potevo trasformare e iniziai subito a praticare questo Buddismo “alla grande”, condividendolo con il mio miglior amico e la mia migliore amica. Siccome la loro pratica non era costante, realizzai a suon di Daimoku scopi su scopi per dimostrar loro che funzionava e invogliarli a praticare meglio. Mi piaceva molto fare attività, recitavo tantissimo Daimoku, facevo tanto shakubuku. Il 3 maggio…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!