Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

16 aprile 2024 Ore 10:04

812

Stampa

Genitori e figli: una profonda relazione karmica

Continuiamo ad approfondire il punto di vista del Buddismo sulle relazioni, affrontando quella tra genitori e figli.
In questo articolo proponiamo alcune riflessioni e due esperienze in prima persona. Potete inviarci le vostre domande su questo tema alla mail nuovo.rinascimento@sgi-italia.org

Dimensione del testo AA

Nella prospettiva buddista, genitori e figli, fratelli e sorelle e i membri di una famiglia sono uniti da una profonda relazione karmica. Proprio per questo, le relazioni familiari possono essere causa di grande gioia ma anche di conflitti e sofferenza.Nel romanzo La nuova rivoluzione umana, il maestro Ikeda scrive: «I nostri genitori, partner, fratelli e figli sono tutti parte del nostro ambiente e noi siamo legati a loro attraverso i nostri legami karmici. Non possiamo fuggire dalla nostra realtà» (NRU, 26, 195) Inevitabilmente, i legami familiari sono quelli più intimi; sono infatti le prime relazioni che instauriamo, che impariamo a vivere e che coltiviamo nel corso della vita. In particolare, il legame tra genitori e figli è indissolubile ed eterno.A riguardo Nichiren Daishonin afferma: «Persino tra coloro che sono stati padre e figlio, i genitori, una volta rinati, non sanno di essere stati genitori o i figli di essere stati…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata