Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 febbraio 2023 Ore 09:10

Finalmente libera

Anita Trimarchi, Firenze

«Mi fu chiesto se volevo ricevere il Gohonzon ma io avevo paura; era un’ulteriore responsabilità e non sapevo se avrei continuato a praticare tutta la vita. Ma, quando alla fine mi decisi, ci furono benefici ancora più grandi»

Dimensione del testo AA

«Mi fu chiesto se volevo ricevere il Gohonzon ma io avevo paura; era un’ulteriore responsabilità e non sapevo se avrei continuato a praticare tutta la vita. Ma, quando alla fine mi decisi, ci furono benefici ancora più grandi» Ho sessantadue anni e sono nata ad Alì, un piccolo paese della Sicilia. La mia vita è stata un inferno: quando avevo sedici anni conobbi un bel ragazzo, me ne innamorai e pochi mesi dopo ci sposammo. Ero felice ma ben presto mi accorsi di come lui fosse veramente: violento, mi tradiva con altre donne, parte dei soldi che guadagnava li perdeva al gioco e ogni scusa era buona per picchiarmi. A diciotto anni ho avuto la prima figlia, a ventiquattro ne avevo altri tre: un’altra femmina e due maschi. La mia vita scorreva fra violenze fisiche e psicologiche; mio marito faceva il camionista e spesso era fuori città e questo per…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!