Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

16 aprile 2024 Ore 09:28

808

Stampa

Dichiarazione di Daisaku Ikeda per il G7 a Hiroshima

Il presidente della SGI Daisaku Ikeda esorta i leader del G7 al vertice di Hiroshima a muoversi per il “No First Use” (Non primo uso) delle armi nucleari

Dimensione del testo AA

Il 27 aprile 2023 Daisaku Ikeda, filosofo buddista, costruttore di pace e presidente della Soka Gakkai Internazionale (SGI), ha rilasciato una Dichiarazione in cui invita i leader dei Paesi del G7, che si riuniranno a Hiroshima dal 19 al 21 maggio, a compiere passi coraggiosi verso la risoluzione del conflitto in Ucraina e a garantire la sicurezza di tutta l’umanità, assumendo un ruolo guida nelle discussioni riguardo l’impegno a non usare per primi le armi nucleari (principio del Non Primo Uso).
Il presidente Ikeda, convinto sostenitore dell’abolizione delle armi nucleari fin dagli anni ’60, ritiene che il vertice del G7 di Hiroshima sia l’occasione in cui basarsi sull’incrollabile attivismo degli hibakusha (i sopravvissuti ai bombardamenti nucleari di Hiroshima e Nagasaki) e sulla loro determinazione a far sì che il tragico impatto delle armi nucleari non venga mai più sperimentato. 

Egli afferma:

«Mentre i leader del G7 rivedono le conseguenze reali che avrebbe la detonazione di un’arma nucleare e le amare lezioni lasciateci dall’era nucleare, li esorto ad avviare serie riflessioni per assumere l’impegno del Non primo uso, affinché il loro comune riconoscimento della natura inammissibile delle armi nucleari possa trovare espressione in un cambiamento delle politiche»

Prossimamente verrà pubblicata la traduzione in italiana sui nostri siti (Senzatomica.it – ilnuovorinascimento.org – sgi-italia.org)

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata