Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 marzo 2024 Ore 00:58

456

Stampa

Cosa significa essere “Bodhisattva della Terra”?

In questa tredicesima puntata Daisaku Ikeda analizza dettagliatamente cosa vuol dire essere un “bodhisattva” in quest’epoca e come costruire concretamente una rete di persone comuni decise a cambiare il mondo con la forza dell’unità e del dialogo

Dimensione del testo AA

In questa tredicesima puntata Daisaku Ikeda analizza dettagliatamente cosa vuol dire essere un “bodhisattva” in quest’epoca e come costruire concretamente una rete di persone comuni decise a cambiare il mondo con la forza dell’unità e del dialogo «Dapprima solo Nichiren recitò Nam-myoho-renge-kyo, ma poi due, tre, cento lo seguirono, recitando e insegnando agli altri. La propagazione si svilupperà così anche in futuro. Non vuol dire ciò “emergere dalla terra”?» (Il vero aspetto di tutti i fenomeni, RSND, 1, 341). Quali sono i punti fondamentali per vincere? Una fervida preghiera e l’unità fra i discepoli. Il mio maestro Josei Toda asserì: «Noi Bodhisattva della Terra siamo emersi per guidare kosen-rufu, un evento senza precedenti. La missione di ciascuno è nobile e fondamentale, e impegnarsi per realizzarla è il miglior modo di vivere la propria esistenza. Risvegliando il nostro coraggio, senza nutrire rancori e gelosie reciproche, avanziamo uniti lungo la strada della…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata