Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

30 novembre 2023 Ore 15:02

622

Stampa

Come il sole delle otto del mattino

Gaia Dionisi, Roma

Compresi che non fidarmi di me stessa equivale a non credere al maestro. Se sensei credeva in me e nella mia missione perché non avrei dovuto farlo io? Decisi allora di diventare un’autentica discepola

Dimensione del testo AA

Compresi che non fidarmi di me stessa equivale a non credere al maestro. Se sensei credeva in me e nella mia missione perché non avrei dovuto farlo io? Decisi allora di diventare un’autentica discepola Quando ho iniziato a recitare Daimo­ku, incoraggiata da mia madre, ero una ragazza insicura e provavo rancore nei confronti di mio padre che aveva un temperamento instabile e violento. Con la pratica buddista sperimentai gioia e sicurezza ed emerse il mio vero carattere. Parlavo agli altri del Buddismo con sincerità e questo mi permise di trasformare il mio cuore. Negli anni riuscii a instaurare con i miei genitori un rapporto autentico ma c’era sempre un velo di sofferenza che non riuscivo a togliere. Nel 2012 desiderai con tutto il cuore che mia sorella ricevesse il Gohonzon. Un giorno mi raccontò di una difficoltà che aveva all’università e la incoraggiai a superarla recitando Daimoku. Cominciò a praticare,…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata