Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 febbraio 2023 Ore 08:24

Bello e impossibile

Sandra Poli, Roma

Compresi in qualche modo oscuro che la mancanza di un compagno per me era stata la legna da ardere, il famoso espediente: nessun’altra cosa avrebbe potuto spingermi davanti al Gohonzon e grazie a questo rivoluzionare la mia vita

Dimensione del testo AA

Compresi in qualche modo oscuro che la mancanza di un compagno per me era stata la legna da ardere, il famoso espediente: nessun’altra cosa avrebbe potuto spingermi davanti al Gohonzon e grazie a questo rivoluzionare la mia vita Ho iniziato a praticare il Buddismo nel 1988: lavoravo in un istituto di estetica a Empoli, guadagnavo abbastanza, non avevo malattie e neanche problemi particolari: ma ero totalmente, assolutamente infelice. Attribuivo questo malessere alla mancanza di un compagno e così, quando una ragazza mi propose di partecipare a una riunione buddista, pensando: «Magari incontro qualcuno!» decisi di iniziare a praticare. Mi dicevo: «Soldi non me ne chiedono, cosa ci rimetto? Al massimo un po’ di tempo!». Il mio desiderio, il grande scopo che subito mi prefissi, è quasi inutile dirlo, era trovare un uomo, fidanzarmi. Iniziai subito a recitare un’ora e mezzo di Daimoku al giorno. Mi dicevano: «Recita per kosen-rufu, in…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!