Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

13 aprile 2024 Ore 04:18

601

Stampa

Avere cura del Gohonzon

Il Gohonzon è il cardine centrale del Buddismo di Nichiren Daishonin e il modo in cui ce ne prendiamo cura esprime il rispetto e la sincerità della nostra fede. «Io, Nichiren, ho iscritto la mia vita in inchiostro di sumi, perciò credi profondamente nel Gohonzon» (Risposta a Kyo’o, RSND, 1, 365). Dal momento in cui riceviamo il Gohonzon, in un certo senso è come se il Daishonin entrasse nella nostra casa. È importante quindi usare vari accorgimenti

Dimensione del testo AA

Alcune indicazioni pratiche Come sistemare il butsudan? Porre il mobiletto dove custodiamo il Gohonzon (butsudan) nel posto migliore della casa, in un punto sicuro e protetto, dove non c’è rischio che venga urtato o danneggiato in alcun modo. Sistemarlo su un mobile solido e aderente alla parete, e assicurarsi che non oscilli all’apertura degli sportelli, che sia ben fissato sul piano di appoggio. Evitare di appendere il mobiletto al muro o su una mensola sospesa, o di spostarlo da una stanza all’altra. Sopra al butsudan non dovrebbe esserci niente: è consigliabile togliere eventuali quadri, mensole ecc. Inoltre, è bene liberare il più possibile la zona circostante, per favorire la concentrazione. Lasciare solo le offerte. Per sicurezza tenere sempre le candele a una certa distanza dal Gohonzon, anche per evitare possibili schizzi di cera. È importante sistemare il mobiletto alla giusta altezza: quando preghiamo davanti al Gohonzon lo sguardo deve essere…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata