Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

2 febbraio 2023 Ore 08:34
Dimensione del testo AA

Tutto è partito da un punto di arrivo. Il primo novembre 2002 Il Nuovo Rinascimento pubblica alle pagine 10 e 11 l’esperienza di un imprenditore accusato di associazione a delinquere, processato e condannato prima al carcere, poi agli arresti domiciliari che, grazie alla pratica buddista, è diventato un uomo nuovo, Francesco Rabino. Francesco è l’unico nome autentico, insieme a quello di Silvana la sua compagna, che si leggerà di qui in poi, per le ragioni che scopriremo fra breve. L’esperienza di Francesco arriva fino a Nina che pratica da qualche anno e da qualche anno cerca di far praticare suo fratello. Lo chiameremo Luigi. Solo che suo fratello è un osso duro. È in carcere da anni, nell’Istituto di pena Lo Russo Cotugno, più conosciuto come ex Le Vallette, a Torino. Stavolta Nina sente che c’è qualcosa di nuovo. Questa è l’esperienza di un uomo d’onore, tradito, mai pentito, detenuto,…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!