Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

29 gennaio 2023 Ore 01:08

Al di là delle parole

Roberto Melis, Milano

Più che un collega mi sentivo uno schiavo. Stavo male, ero sempre nervoso e stanco, mi sentivo umiliato e privo di valore e riversavo questo stato d'animo nei confronti delle persone più care. Una sera, dopo una giornata più pesante del solito, ho cominciato a recitare un Daimoku "disperato"

Dimensione del testo AA

Più che un collega mi sentivo uno schiavo. Stavo male, ero sempre nervoso e stanco, mi sentivo umiliato e privo di valore e riversavo questo stato d’animo nei confronti delle persone più care. Una sera, dopo una giornata più pesante del solito, ho cominciato a recitare un Daimoku “disperato” di Roberto M., Milano Ho iniziato a lavorare all’età di sedici anni, interrompendo gli studi molto presto con la scusa di non riuscire a studiare. In verità volevo coprire la mia balbuzie e di conseguenza la mia timidezza che mi portava sempre a evitare di parlare con le persone. Ho cominciato come apprendista e mi piaceva, dovevo muovere le mani e non c’era bisogno di parlare. Però in dieci anni ho cambiato cinque posti di lavoro perché la situazione era sempre la stessa: io non avevo il coraggio di chiedere niente ai miei datori di lavoro e loro, nonostante la mia…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!