Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

3 marzo 2024 Ore 22:48

795

Stampa

Accendere una luce per gli altri 

Hideyoshi Sato, Tokyo

Continuando a mirare alla pace dell’umanità e ad agire con totale dedizione per “accendere una luce per gli altri”, Hideyoshi si è sfidato ogni giorno nel lavoro e nella fede, fino a trasformare il fallimento dell’azienda del padre in un trampolino per realizzare magnifiche vittorie

Dimensione del testo AA

Nell’estate del 2001 l’azienda di mio padre fallì. Il debito totale era di trecentosettanta milioni di yen (circa due milioni e mezzo di euro). Mia moglie mi incoraggiò dicendomi che quella era l’occasione per far sì che mio padre ricominciasse a praticare il Buddismo.Lei iniziò a recitare dieci ore di Daimoku al giorno e io cinque, mentre eravamo impegnati a trattare con i creditori e gli avvocati, a liquidare l’azienda e fare in modo che i quaranta dipendenti trovassero un altro lavoro. Non percepivamo alcun reddito e in un solo anno fummo costretti a traslocare tre volte. Tutti coloro che fino al giorno prima si erano definiti miei amici mi voltarono le spalle, allontanandosi da me. Al contrario, i membri della Soka Gakkai accorsero uno dopo l’altro per incoraggiarci e sostenerci.In quel periodo Sensei scrisse una guida che sentii rivolta proprio a me: «Anche se dovessi trovarti di fronte a una svolta…

Contenuto riservato agli abbonati

Accedi Sottoscrivi un abbonamento

©ilnuovorinascimento.org – diritti riservati, riproduzione riservata