Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

7 febbraio 2023 Ore 02:00

1981-1992-1994: Ikeda incontra i membri italiani

A Firenze, nel 1981, Ikeda volle visitare il museo casa di Dante; a Bologna il primo giugno del '94 dedicò la sua lectio magistralis a Leonardo da Vinci. Proprio il titolo di quella lezione ha suggerito il nome della testata dei giovani italiani: Il volo continuo. Presentiamo due estratti di Ikeda sul Sommo Poeta e il Genio Universale

A Firenze, nel 1981, Ikeda volle visitare il museo casa di Dante; a Bologna il primo giugno del '94 dedicò la sua lectio magistralis a Leonardo da Vinci. Proprio il titolo di quella lezione ha suggerito il nome della testata dei giovani italiani: Il volo continuo. Presentiamo due estratti di Ikeda sul Sommo Poeta e il Genio Universale
Dimensione del testo AA

A Firenze, nel 1981, Ikeda volle visitare il museo casa di Dante; a Bologna il primo giugno del ’94 dedicò la sua lectio magistralis a Leonardo da Vinci. Proprio il titolo di quella lezione ha suggerito il nome della testata dei giovani italiani: Il volo continuo. Presentiamo due estratti di Ikeda sul Sommo Poeta e il Genio Universale Dante Alighieri Dante nacque a Firenze, all’inizio dell’estate del 1265, un anno dopo la persecuzione di Komatsubara: era quindi quasi un contemporaneo di Nichiren. Per Dante la prima grande prova fu la morte dell’amata Beatrice, che aveva incontrato quando entrambi avevano circa nove anni, serbando da quel momento per lei un amore segreto. Cos’è la morte? Cos’è la vita? Perché si vive? Disperato, cercò una risposta nella filosofia. A trent’anni, già noto come poeta, divenne membro di una prestigiosa corporazione e da quel momento si distinse anche come uomo politico. Dante credeva…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!