Istituto Buddista Italiano Soka Gakkai

Buddismo per la pace, la cultura e l’educazione

30 gennaio 2023 Ore 08:48

Da figlia e da mamma

Paola Biondi, Milano

Senza fare mai mancare a mia madre la mia presenza, lavoro e famiglia permettendo, il Daimoku è ancora oggi l'unico mezzo che mi permette di sviluppare la saggezza per decidere e scegliere il meglio

Dimensione del testo AA

Senza fare mai mancare a mia madre la mia presenza, lavoro e famiglia permettendo, il Daimoku è ancora oggi l’unico mezzo che mi permette di sviluppare la saggezza per decidere e scegliere il meglio Pratico il Buddismo dal 1980. Da sempre ho avuto un rapporto conflittuale con mia madre – insegnante di latino e greco per quarant’anni -, accompagnato dalla sensazione di dovermi conquistare continuamente la sua stima. All’epoca andavo a lezione di pianoforte da un’insegnante del conservatorio che seguiva il perfezionamento di grandi pianisti internazionali; contemporaneamente studiavo medicina all’università, benché sapessi che nel mio cassetto c’era un sogno ben diverso. Il risultato è che mi sentivo in terribile ritardo per qualsiasi cosa: per fortuna, al colmo della frustrazione e confusione che accompagnavano i miei ventidue anni, incontrai Nam-myoho-renge-kyo. Il primo beneficio fu quello di sentire che esiste un ritmo ben preciso nell’universo e, incuriosita, ho continuato a praticare. Mia…

Contenuto riservato

Questo è un contenuto riservato agli abbonati.
Accedi o registrati e sottoscrivi un abbonamento per poterlo visualizzare!